ISA World Junior Surfing Championship Final Report

Sabato 28 Aprile 2012 00:37 Segreteria SURF
Stampa PDF

Si è concluso da pochi giorni il più grande campionato junior della storia del surfing con oltre trecento partecipanti nelle categorie under 16 ed under 18 uomini e donne e trentuno rappresentative nazionali delle oltre sessanta facenti parte della famiglia ISA.
Per me che andavo con l'obiettivo di tifare i nostri due ragazzi e di partecipare ai meeting ISA tenutisi in concomitanza all'evento le emozioni non sono mancate come sicuramente non saranno mancate ai tanti connazionali incollati alla diretta web la notte per cercare di vedere le heat dei nostri.

Leonardo e Joao Marco hanno combattuto heat dopo heat regalando diversi dispiaceri ai loro concorrenti, Leo è partito subito bene vincendo le prime due heat nelle qualifiche poi un terzo posto dovuto ad un colpo di fortuna del tahitiano a 2 minuti  di una heat che lo vedeva secondo lo ha spedito nel girone infernale dei rispescaggi,
praticamente un contest nel contest e anche qui per diversi giorni è rimasto in gara distanziando i concorrenti spesso di diversi punti prima di incappare nella sfortunata heat che lo ha visto uscire,terzo per 0,13 una beffa.
Sorte simile per Joao Marco partito invece col piede sbagliato nella prima heat delle qualifiche è da subito approdato nei ripescaggi   e qui si è fatto valere andando anche lui a vincere diverse heats, meritandosi una bella intervista in diretta mondiale prima di finire dopo qualche giorno anche lui terzo ed eliminato nell'ultima heat della giornata come Leo e anche lui per un fatidico 0,13.
Questa può essere una cronaca sintetica della parte agonistica che potete aver vissuto tramite il live, quello che forse vi siete persi è lo spirito che animava tutta la competizione, 300 ragazzi e ragazze da mezzo mondo che fraternizzavano, feste, falò , sessioni di breakdance dei giovanissimi atleti del Guatemala o dei Giamaicani,un clima rilassato malgrado il campionato in se sia una cosa serissima e organizzata da pari,
la possibilità di conoscere gente proveniente dai 4 angoli del mondo,la possibilità di fare free surf o cenare sullo steso tavolo in cui è seduta una leggenda vivente del surf come Tom Curren, la fierezza di far parte di un team e di incitarsi l'un l'altro e soprattutto la sensazione di far parte tutti della stessa grande famiglia, per non parlare poi delle belle parole  di Fernando Aguerre che ha guidato l'evento con il carisma di un capo sciamano ;chiamatelo aloha spirit o come vi pare ma ne ho percepito la presenza diverse volte e questa emozione spero che possano viverla prima o poi tutti quelli a cui il surfing fa da colonna sonora della propria vita. 
Ovviamente ci sono state anche cose che non sono andate per il verso giusto, portare due atleti ed un ignaro team manager in una competizione dove le nazioni surfisticamente piu evolute ne portano 12  più staff medico dedicato e coach vari e proprie strutture ti mette a disagio, come Federazione abbiamo l'obbligo di trovare una soluzione per far in modo che l'Italia sia rappresentata maggiormente in queste competizioni sia in termini qualitativi che quantitativi, certo i costi da sostenere per partecipare a queste manifestazioni sono elevati specialmente finche il surfing non diventa uno sport più affermato anche in Italia, ma credo che qualsiasi atleta di un certo livello debba almeno una volta nella vita provare a partecipare ad un mondiale e se Federazione,sponsor e famiglie fanno tutte un piccolo sforzo la cosa non è neanche troppo complicata.
In ogni caso dobbiamo da subito ripartire per fare di più e meglio nei prossimi appuntamenti internazionali in calendario che sono:
  • Mondiale Master ISA, Playa Colorado dal 14 al 22 Luglio in Nicaragua
  • Campionato Europeo ESF, dall'8 al 16 settembre a Lacanau,Francia
  • Mondiale Open , date e luogo ancora da confermare
  • 2° Mondiale ISA SUP e PaddleSurf , primi mesi del 2013,luogo ancora da confermare , probabilmente in Sud America

A Leonardo Fioravanti e Joao Marco Maffini che hanno degnamente rappresentato l'Italia a questi campionati va il nostro ringraziamento per le emozioni regalateci ed un arrivederci ai prossimi campionati di categoria.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 01 maggio 2012 12:30